Are you the publisher? Claim or contact us about this channel


Embed this content in your HTML

Search

Report adult content:

click to rate:

Account: (login)

More Channels


Showcase


Channel Catalog


older | 1 | .... | 19 | 20 | (Page 21) | 22 | 23 | .... | 33 | newer

    0 0

    da Aprile 2016 a Maggio 2016

    Per il sesto anno consecutivo, la campagna di promozione della lettura “IL MAGGIO DEI LIBRI”, organizzata dal Centro per il libro e la lettura, si conferma un appuntamento atteso e diffuso in tutto il territorio nazionale, al quale la Biblioteca Nazionale Marciana, come sempre, ha aderito con entusiasmo. Gli incontri si terranno nella Libreria Sansoviniana (ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili da Piazza San Marco 13/a, Venezia).                                                                                              

    Ecco il programma della Biblioteca Nazionale Marciana:

    Venerdì 29 aprile, ore 17: Presentazione del libro Die letzten Venezianer. Leben in der Lagunenstadt[Gli ultimi Veneziani. Vivere nella città lagunare], di Karl Johaentges e Luana Castelli, Muenchen, F.A. Herbig Verlag (Terra Magica).

    Mercoledì 4 maggio, ore 17: Conferenza di Ermanno Orlando (Università di Verona) Migranti, minoranze e matrimoni a Venezia nelBassoMedioevo, per il ciclo “Stranieri, barbari, migranti: il racconto della Storia per comprendere il presente”.

    Venerdì 6 maggio, ore 17: Presentazione del catalogo della mostra “Venezia e Aristotele (ca. 1450-ca. 1600): greco, latino e italiano” e del volume “Aristotele fatto volgare”: Tradizione aristotelica e cultura volgare nel Rinascimento, a cura di David A. Lines e Eugenio Refi.

    Mercoledì 11 maggio, ore 17: Conferenza di Lucia Nadin (Venezia) Stranieri di casa: gli Albanesi a Venezia (XV-XVI), per il ciclo “Stranieri, barbari, migranti: il racconto della Storia per comprendere il presente”.

    Giovedì 12 maggio, ore 16: “Omaggio a Shakespeare. Sonetti, musica e computer”. Tavola rotonda e concerto vocale a cappella dello Zero Vocal Ensemble.

    Mercoledì 18 maggio, ore 17: Conferenza di Reinhold Mueller (Università Ca' Foscari, Venezia) Immigrazione, cittadinanza e identità: essere foresto a Venezia nel tardo medioevo per il ciclo “Stranieri, barbari, migranti: il racconto della Storia per comprendere il presente”.

    Giovedì 26 maggio, ore 17: Presentazione libro di Alessandro Marzo Magno, Con stile. Come l’Italia ha vestito (e svestito) il mondo, Milano, Garzanti, 2016.

     

     


    0 0

    Domenica, 08 Maggio 2016

    Anche per l’anno 2016 prosegue l’offerta di visite guidate alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana (Libreria Sansoviniana), che si tiene la seconda domenica di ogni mese.

    Il prossimo appuntamento è previsto per domenica 8 maggio 2016 alle ore 10.30, 12.00 e 14.30: nel corso della visita verranno illustrati lo scalone monumentale e la decorazione pittorica presente all’interno delle Sale Monumentali. Si accennerà inoltre alla storia costruttiva dell’edificio.
    Non è necessario prenotare.
    Punto di incontro: all’interno delle Sale Monumentali.

    Si precisa che l'accesso alle Sale Monumentali avviene dal Museo Correr (Piazza San Marco, Ala Napoleonica) ed è subordinato all'acquisizione del biglietto unico dei Musei di Piazza San Marco (valido per il Museo Correr, il Museo Archeologico Nazionale, la Libreria Sansoviniana e Palazzo Ducale), gratuito per i residenti e nati nel Comune di Venezia.

    Informazioni:
    lunedì - giovedì 041.2407238 e domenica 041.2407223
    mazzariol@marciana.venezia.sbn.it                          

     


    0 0

    Venerdì, 06 Maggio 2016

    La Biblioteca Nazionale Marciana e la University of Warwick, venerdì 6 maggio 2016, alle ore 17, alla Libreria Sansoviniana (Piazzetta San Marco 13/a, Venezia) presenteranno il catalogo della mostra Venezia e Aristotele (ca. 1450-ca. 1600): greco, latino e italiano e il recente volume “Aristotele fatto volgare”: Tradizione aristotelica e cultura volgare nel Rinascimento. Saluto di  Maurizio Messina (Direttore della Biblioteca Nazionale Marciana). Interventi di: Francesco Bruni (Università Ca’ Foscari, Venezia) e Pietro B. Rossi (Università di Torino).

    Il catalogo della mostra e il volume indagano la diffusione dell’opera di Aristotele, che rimase almeno fino al 1700 il filosofo dell’antichità più intensamente studiato. I due volumi illustrano il progressivo estendersi di quest’attività di disseminazione del pensiero aristotelico dal greco al latino e infine all’italiano, che nel sedicesimo secolo venne finalmente legittimato come lingua letteraria e filosofica.


    0 0

    Venerdì 6 maggio 2016 a causa di uno sciopero dei lavoratori in appalto ai Musei del Percorso integrato di Piazza San Marco si potranno verificare modifiche negli orari di apertura delle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana.


    0 0

    Oggi, giovedì 5 maggio 2016, a causa di un'assemblea dei lavoratori in appalto ai Musei del Percorso integrato di Piazza San Marco che comporta la chiusura del Museo Correr, le Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana e il Museo Archeologico Nazionale saranno visitabili con ingresso dal n. 13/a di Piazzetta San Marco a partire dalle ore 15.30.
    Ci scusiamo per il disagio.


    0 0

    Mercoledì 11 maggio 2016, dalle 8.30 alle 11.30, si potranno verificare riduzioni e  limitazioni nel servizio di presa e ricollocazione dei libri per consentire al personale di raggiungere la sede di una assemblea convocata da alcune organizzazioni sindacali.
     


    0 0

    Giovedì, 09 Giugno 2016

    Giovedì 9 giugno 2016, alle ore 17.00, alla Libreria Sansoviniana (Piazzetta San Marco 13/a, Venezia) la Biblioteca Nazionale Marciana organizza la presentazione del libro di Silvia Bracca, L’occhio e l’orecchio.Immagini per il dramma per musica nella Venezia del '600. Incisori, pittori e scenografi all'Opera con un repertorio dei libretti illustrati stampati in Laguna tra il 1637 e il 1719 (ZeL Edizioni).

    Saluto di Maurizio Messina (Direttore della Biblioteca Nazionale Marciana). Interverranno: Francesca Cocchiara (storica dell’arte), Sara Elisa Stangalino (musicologa dell’Università degli Studi di Bologna). Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

    La Biblioteca Marciana custodisce tre fra le più importanti raccolte di libretti d’opera veneziani del XVII secolo, provenienti dalle antiche collezioni di Antonio Groppo, Apostolo Zeno e Giovanni Rossi. Lo studio di tali preziosi testi ha portato alla pubblicazione de L’occhio e l'orecchio. Immagini per il dramma per musica nella Venezia del '600. Incisori, pittori e scenografi all'Opera con un repertorio dei libretti illustrati stampati in Laguna tra il 1637 e il 1719 (ZeL Edizioni). Fonte basilare per la conoscenza delle vicende del teatro melodrammatico lagunare, la librettistica si configura sin dal 1637, anno d’esordio dell’Andromeda di Benedetto Ferrari, come una novità nel coevo panorama editoriale. L’impegno degli editori specializzatisi nel nuovo ambito, consentirà ai testi musicali di conformarsi in una veste grafica stabile, decorata molto spesso da un’antiporta figurata.

    Il volume di Silvia Bracca ricostruisce in maniera esaustiva la storia dell’illustrazione librettistica, evidenziando la varietà iconografia delle piccole tavole e profilando il percorso degli incisori e dei pittori attivi in tale settore. Per alcuni di essi i primi, finora oscuri, passi teatrali costituirono l’avvio di carriere ben più celebrate. Le arti figurative contribuirono al successo del melodramma marciano non solo con la pubblicazione propagandistica delle edizioni musicali, ma anche mediante la realizzazione delle scenografie, dipinte da abili pittori di prospettiva. Il fascino di tale arte effimera rivive attraverso le tavole incisorie tradotte da maestri del bulino per eternare la memoria degli apparati ideati dagli artisti lagunari. Illusorietà prospettica e innovazione meccanica diedero vita a quadri scenici suggestivi, ricchi di rimandi alla pittura architettura e scultura del tempo, rivelatori delle peculiarità di una delle espressioni più autentiche dello spirito barocco.

    Silvia Bracca si è laureata in Scienze dei beni culturali presso l’Università degli studi di Verona, dove ha conseguito la Laurea Magistrale in Storia dell’arte con una tesi elaborata sotto la direzione del prof. Enrico Maria dal Pozzolo, in seguito edita con il titolo L’occhio e l'orecchio. Immagini per il dramma per musica nella Venezia del '600. Incisori, pittori e scenografi all'Opera con un repertorio dei libretti illustrati stampati in Laguna tra il 1637 e il 1719 (ZeL Edizioni). Ha pubblicato un saggio sulla quadreria Lechi di Brescia (“Civiltà Bresciana”, giugno 2010) e ha partecipato al convegno Paris-Venise: les échanges musicaux, du texte à l’image (1680-1750) organizzato dal Venetian Centre for Baroque music (Parigi, marzo 2015), i cui atti sono in corso di edizione. Ha collaborato con musei, fondazioni e associazioni per la catalogazione di materiale fotografico e archivistico e per la promozione del patrimonio culturale lombardo.


    0 0

    Mercoledì, 22 Giugno 2016

    Mercoledì 22 giugno 2016, alle ore 16.00, alla Libreria Sansoviniana (Piazzetta San Marco 13/a, Venezia) la Biblioteca Nazionale Marciana propone la presentazione del volume The Veremonda Resurrection di Allison Zurfluh, fotografie di  Michel Juvet (Pistoia, Gli Ori Editori, 2016).

    Saluto di Maurizio Messina (Direttore della Biblioteca Nazionale Marciana). Relatori: Elisabetta Sciarra (Biblioteca Nazionale Marciana), Paola Gribaudo e Allison Zurfluh (rispettivamente curatrice e autrice del volume).

    Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

    Allison Zurfluh, The Veremonda Resurrection
    Da un manoscritto veneziano ad una brillante produzione operistica a Charleston: The Veremonda Resurrectionè il racconto di questo emozionante viaggio, che ripercorre in modo vivace e diretto le vicende che hanno riportato in vita, dopo oltre tre secoli di silenzio un’opera di Francesco Cavalli, il grande protagonista della scena operistica nella Venezia del Seicento.

    Allison Zurfluh, nata a Los Angeles, ha conseguito una laurea in letteratura inglese prima di trasferirsi in Svizzera, dove vive da più di vent’anni. Ha un’esperienza più che ventennale come traduttrice dal francese, spagnolo e italiano all’inglese nell’ambito degli sport olimpici, della musica classica e per una serie di grandi società di livello internazionale. È capo redattrice di due riviste, “DeluxePad” per jet privati e “Swiss Style Magazine”, dedicate al lusso e al business, e collabora con la rivista “InTime Venice & Veneto”. Quando non è impegnata nei suoi viaggi, Allison ama dipingere i ricordi della laguna veneziana nel suo studio assolato.

    Michel Juvet vive a Ginevra, è partner della banca privata Bordier &Cie, e affianca alle conoscenze economiche e finanziarie la passione per la fotografia cercando di catturare gli aspetti della vita da angolature inattese.


    0 0

    da Mercoledì, 01 Giugno 2016 a Domenica, 24 Luglio 2016

    La Biblioteca Nazionale Marciana, in collaborazione con l’Associazione culturale “The Formwork” e con il patrocinio dell’Università IUAV di Venezia e della Columbia University GSAPP, New York, organizza nelle sue Sale Monumentali la mostra “Adolf Loos, Our Contemporary. The House at Michaelerplatz in Vienna” dal 1° giugno al 24 luglio 2016.

    La mostra è curata da Yehuda Safran (Columbia University, New York) e Marko Pogacnik (Università IUAV Venezia) con l’assistenza di Antonella Mari e Alberto Franchini. L’allestimento, progettato da Pietro Valle è stato realizzato dalla Fantoni di Osoppo.

    Catalogo della mostra in inglese.

    La mostra analizza la figura dell’architetto Adolf Loos da un doppio punto di vista: della sua rilevanza all’interno dell’attuale dibattito architettonico e della sua importanza storica quale uno dei principali interpreti della modernità agli inizi del novecento. Adolf Loos, moravo di origine, viennese di adozione, aveva scelto come propria missione quella di introdurre i propri concittadini ad uno stile di vita più conforme alla moderna civiltà occidentale. Recatosi poco più che ventenne negli Stati Uniti, dove soggiornerà per tre anni visitando New York, Philadelphia e la Chicago della Fiera Colombiana, egli elesse la cultura americana a modello della propria architettura per fonderla poi sia con lo studio della tradizione classica che di quella viennese. Proprio questo amalgama apparentemente contraddittorio di elementi antichi e radicalmente moderni caratterizza la particolare interpretazione che Loos diede del proprio tempo.

    In maniera coerente con tale impostazione, la mostra è suddivisa in due sezioni. Nella prima viene documentata l’attualità della ricerca architettonica di Loos attraverso una serie di interviste condotte dal prof. Safran con alcuni significativi protagonisti della scena attuale (Alvaro Siza, Toyo Ito, Jacques Herzog, Hermann Czech, Hans Hollein, e.a.). Alle interviste si aggiungono alcuni importanti documenti video come L’inhumaine di Marcel L’Herbier (1924) e Ornamento e Delitto di Aldo Rossi (1973) e copia delle pubblicazioni che hanno segnato le tappe della ricezione della sua architettura come anche dei suoi scritti teorici.

    Nella seconda sezione viene analizzato quello che è considerato il capolavoro di Loos, la casa sulla Michaelerplatz a Vienna, che egli costruì nel 1909 per la rinomata sartoria Goldman & Salatsch. L’analisi dell’edificio è accompagnata da una ricca documentazione che ci permette di ricostruire le fasi salienti del progetto: i rapporti con l’ufficio urbanistico, le alternative studiate da Loos in ragione delle diverse richieste dei committenti, la proposta presentata per la concessione edilizia, i disegni di cantiere e, infine, le tavole che ci consentono di ricostruire in maniera integrale la storia della soluzione per la facciata che aveva scatenato al tempo una violenta campagna di stampa contraria al progetto di Loos. Questa sezione della mostra potrà contare su una grande quantità di materiali iconografici che permettono di ricostruire da un inedito punto di vista l’origine di quella particolare configurazione spaziale che rappresenta il più rilevante contributo di Loos all’architettura del novecento, il Raumplan. I materiali grafici sono presentati attraverso delle fedeli riproduzioni in scala naturale.

    La mostra è ospitata in uno spazio molto rappresentativo, le Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana, di fronte al Palazzo Ducale e sarà allestita dall’arch. Pietro Valle.

    Si ringraziano, per il supporto: Fantoni, Osoppo (UD); Pixartprinting, Quarto d’Altino (VE); Secco Sistemi, Preganziol (TV); STRABAG SpA, Bologna.

    Galleria fotografica.

     

     


    0 0

    Dal 24 al 31 maggio 2016 le Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana (Libreria Sansoviniana) chiuderanno per l' allestimento della mostra: Adolf Loos, Our Contemporary. The House at the Michaelerplatz in Vienna.


    0 0

    Giovedì 26 maggio 2016 si potranno verificare riduzioni e  limitazioni nel servizio di presa e ricollocazione dei libri a causa di uno sciopero indetto da alcune organizzazioni sindacali.


    0 0

    Martedì, 31 Maggio 2016

    La Biblioteca Nazionale Marciana, in collaborazione con l’Associazione culturale The Formwork e con il patrocinio dell’Università IUAV di Venezia e della Columbia University GSAPP, New York, martedì 31 maggio 2016, alle ore 16.00  inaugura la mostra Adolf Loos, Our Contemporary. The House at Michaelerplatz in Vienna (ingresso: Piazzetta San Marco 13/a, Venezia).

    Saluto di Maurizio Messina (direttore della Biblioteca Nazionale Marciana). Saranno presenti i curatori: Yehuda Safran (Columbia University, New York) e Marko Pogacnik (Università IUAV Venezia).

    Interventi di: Marco Pogacnik  (Università IUAV Venezia), Yehuda Safran (Columbia University, New York), Daniel Sherer (Columbia and Yale University), Georg Schöllhammer (head of tranzit.at), Davide Amodio (Conservatorio Benedetto Marcello).

    La mostra  - aperta  al pubblico dal 1° giugno al 24 luglio 2016 (con ingresso dal Museo Correr, Piazza San Marco, Ala Napoleonica, orario 10 - 18) - è curata da Yehuda Safran (Columbia University, New York) e Marko Pogacnik (Università IUAV Venezia) con l’assistenza di Antonella Mari e Alberto Franchini. L’allestimento, progettato da Pietro Valle è stato realizzato dalla Fantoni di Osoppo.

    Catalogo della mostra in inglese.

    Si ringraziano per il supporto:
    Fantoni, Osoppo (UD)
    Pixartprinting, Quarto d’Altino (VE)
    Secco Sistemi, Preganziol (TV)
    STRABAG S.p.A., Bologna
    Elise Jaffe and Jeffrey Brown, New York


    0 0
  • 05/25/16--01:30: #DomenicalMuseo
  • Ingresso gratuito al Museo Archeologico Nazionale di Venezia e alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana
    Martedì, 05 Luglio 2016

    Torna anche a giugno #DomenicalMuseo, giornata in cui tutti i musei e le aree archeologiche statali saranno visitabili gratuitamente,  in applicazione della norma del decreto Franceschini, in vigore dal primo luglio 2014, che stabilisce che ogni prima domenica del mese non si pagherà il biglietto per visitare monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali dello Stato.

    Domenica  5 giugno  2016, quindi, tutti potranno accedere gratuitament e al Museo Archeologico Nazionale di Venezia e alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana, inseriti nel percorso integrato de “I Musei di Piazza San Marco”, (orario: 10.00 – 19.00, ultimo ingresso alle ore 18.00).

    Il pubblico che desidera visitare soltanto queste due sedi, pertanto, potrà accedervi dall’ingresso storico del Museo Archeologico: Piazzetta San Marco n. 17.

    Sarà una bella occasione per visitare gratuitamente anche la nuova mostra della Marciana, dedicata all’architetto Adolf Loos e alla sua casa in Michaelerplatz a Vienna.

    Si precisa che, per motivi di sicurezza, non saranno ammessi visitatori con zaini, trolley e borse ingombranti. Non sarà permesso l’accesso di persone con il volto coperto, per precisa indicazione della Prefettura.

     


    0 0

    da Giovedì, 16 Giugno 2016 a Venerdì, 17 Giugno 2016

    La Biblioteca Nazionale Marciana organizza, in collaborazione con il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università Ca’ Foscari, Venezia,  nei giorni giovedì 16 e venerdì 17 giugno 2016, nel Vestibolo della Libreria Sansoviniana il Convegno Certissima signa. A Venice Conference on Greek and Latin Astronomical Texts a cura di Filippomaria Pontani e Anna Santoni.
    Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili da Piazzetta San Marco 13/a, Venezia.

    In una civiltà, la scienza astronomica è uno dei campi nei quali più esemplarmente si può saggiare l’avanzamento di diverse discipline: la matematica, la cartografia, la geografia, lo studio dell’influsso degli astri sulla vita degli uomini. Come in altre scienze, ma forse più che in altre, il rapporto con la tradizione antica è in questo senso fondamentale: le conoscenze e le credenze relative ai fenomeni celesti, anche per la suggestione che da sempre questi esercitano sugli uomini, vantano una persistenza di lungo periodo di norma più profonda rispetto alle nozioni scientifiche d’altra natura. 

    Il convegno organizzato da Filippomaria Pontani e Anna Santoni mira a mettere in luce proprio alcuni fili di queste tradizioni secolari, le quali s’incarnano primariamente in testimonianze scritte di veneranda antichità, di cui la Biblioteca Nazionale Marciana (ospite e promotrice dell’evento, assieme al Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università Ca’ Foscari) è ricchissima. In particolare, un drappello di studiosi di sei diversi Paesi proverà a ricostruire alcuni percorsi di testi astronomici greci e latini tra l’età antica e il Medioevo, fino alla “riscoperta" umanistica. Saranno al centro dell’attenzione diagrammi, astrolabi e tubi astronomici, disegni di costellazioni, studi filologici, miniature e pratiche di stampa: per molte delle relazioni saranno proprio le collezioni della Biblioteca Marciana - studiate sia da docenti universitari sia da chi nella biblioteca lavora ogni giorno, in una collaborazione senz’altro proficua - ad offrire un terreno di studio e di confronto privilegiato. 

     

    PROGRAMMA

     

    16 giugno 2016

    13.45: Maurizio Messina (direttore Biblioteca nazionale Marciana), Indirizzo di saluto

    14.00 Susy Marcon - Elisabetta Sciarra (Venezia), Astronomica Marciana

    session I

    14.40 Klaus Geus (Berlin), Astronomy and Geography. Some unexplored connections

    15.10 Jordi Pamias (Barcelona), Mitos catasterísmicos en la tradición no eratosténica

    15.40 Anne Weddigen (Paris), Le diagramme astronomique dans la tradition manuscrite des Harmoniques de Manuel Bryenne

    16.10-16.40 break

    session II

    16.40 Arnaud Zucker (Nice), Astronomical relevancy of illuminated constellations in medieval manuscripts of Hyginus’ Astronomy

    17.10 Alena Hadravova (Prag), Star myths in the so-called Vatican Mythographers I–III

    17.40 Petr Hadrava - Alena Hadravova (Prag), Cristannus de Prachaticz's treatises on the astrolabe:a computer method for preparation of critical editions and statistical treatment of variant readings in apparatus

     

    17 giugno 2016

    session III

    9.00 Anna Santoni (Pisa), De signis coeli and De ordine ac positione stellarum in signis: two star catalogues from the Carolingian Age. Analogies and differences

    9.30 Fabio Guidetti (Berlin), Texts and illustrations in Venice, Biblioteca Nazionale Marciana, ms. VIII 22

    10.00 Francesco Bertola (Padova), Astronomical Tubes

    10.30 - 11.00 break

    session IV

    11.30 K. Lippincott (London), Hyginus, Michael Scot and the tyranny of technology in the early Renaissance

    12.00 Elisabetta Lugato - Filippomaria Pontani (Venezia), On Aldus' Scriptores astronomici 

    12.40 Davide Baldi (Firenze), Gli auctores antichi nella Cosmographiae introductio (1507) di M. Ringmann - M. Waldseemueller

     


    0 0

    Domenica, 12 Giugno 2016

    Anche per l’anno 2016 prosegue l’offerta di visite guidate alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana (Libreria Sansoviniana), che si tiene la seconda domenica di ogni mese.

    Il prossimo appuntamento è previsto per domenica 12 giugno 2016 alle ore 10.30, 12.00 e 14.30: nel corso della visita verranno illustrati lo scalone monumentale e la decorazione pittorica presente all’interno delle Sale Monumentali. Si accennerà inoltre alla storia costruttiva dell’edificio.

    Non è necessario prenotare. Punto di incontro: all’interno delle Sale Monumentali.

    Alle Sale Monumentali si accede dal Museo Correr (Piazza San Marco, Ala Napoleonica) con il biglietto unico dei Musei di Piazza San Marco (valido per il Museo Correr, il Museo Archeologico Nazionale, la Libreria Sansoviniana e Palazzo Ducale), gratuito per i residenti e nati nel Comune di Venezia.

    Informazioni:
    lunedì - venerdì 041.2407238 e domenica 041.2407223
    mazzariol@marciana.venezia.sbn.it                          


    0 0

    Tutte le opere concesse in prestito devono essere restituite entro il 15 luglio 2015. Nel periodo  15 - 31 luglio di ogni anno è infatti  prevista la sospensione del servizio per attuare i lavori di revisione previsti dall'art. 57 del  D.P.R. 417/1995.


    0 0

    La Fondazione Giorgio Cini aderisce all’Archivio possessori della Biblioteca Nazionale Marciana

    Anche la Fondazione Giorgio Cini aderisce al progetto “Archivio dei Possessori”, uno strumento ideato per la rilevazione e la documentazione fotografica delle attestazioni di provenienza nei libri a stampa e nei manoscritti, disponibile da novembre del 2014 sul sito dalla Biblioteca Nazionale Marciana. La partecipazione al progetto da parte della Fondazione Giorgio Cini si inserisce nella più ampia operazione di tutela, catalogazione e valorizzazione del proprio patrimonio e consolida i rapporti di collaborazione tra le due importanti istituzioni veneziane.

    L’obiettivo dell’Archivio è di raccogliere le informazioni relative alle persone o agli enti possessori dei volumi conservati in biblioteca, rilevando note di possesso o di lettura, ex libris, timbri o contrassegni sulle legature; i dati censiti mirano quindi a integrare le notizie sui fondi della biblioteche aderenti e a delineare la storia di ciascun esemplare, grazie alle tracce materiali presenti.

    Il repertorio è consultabile tramite ricerca libera o raffinando l’interrogazione per biblioteca di conservazione, per tipologia del segno di possesso, per nome del possessore, per segnatura del volume. Ogni scheda è collegata ad almeno un volume e rimanda direttamente – tramite link – alla descrizione catalografica, arricchendo quindi le informazioni sull’esemplare. Con le nuove versioni dell’applicativo e dell'OPAC Sebina sarà possibile collegare l’Archivio dei Possessori al catalogo on line di Polo, attivando una connessione biunivoca tra i due strumenti di ricerca.

    L’ambiente informatico di lavoro condiviso è molto utile e favorisce il riconoscimento di contrassegni di possesso di dubbia origine; particolarmente interessanti in questo senso sono quei possessori “Non identificati” per i quali non è ancora stato possibile stabilire l’identità; grazie al confronto delle immagini, in non pochi casi si è giunti all’identificazione o almeno ad associare lo stesso contrassegno di possesso anonimo in più volumi. Per la Biblioteca della Fondazione Cini, il progetto ha già messo in evidenza tracce di biblioteche private, altrimenti disperse, come nel caso di Ludovico Coltellini, erudito toscano i cui autografi sono conservati in numerose biblioteche italiane. L’Archivio dei possessori accoglie anche i contributi di studiosi esterni che vogliano partecipare al progetto; attualmente riunisce 940 attestazioni e la biblioteca della Fondazione Giorgio Cini ha già pubblicato il primo nucleo di una cinquantina di schede.

    Informazioni per la stampa:
    Fondazione Giorgio Cini, tel. +39 041 2710280 stampa@cini.it  www.cini.it/press-release
    Biblioteca Marciana, tel. +39 041 2407211 bruni@marciana.venezia.sbn.ithttp://marciana.venezia.sbn.it


    0 0

    Lunedì, 27 Giugno 2016

    Lunedì 27 giugno 2016, dalle ore 14, al Museo di Palazzo Grimani, Venezia, la Biblioteca Nazionale Marciana partecipa alla Giornata “Programma 500 giovani per la cultura. Esperienze e idee per il Veneto con la presentazione del progetto “500 giovani per la cultura” “Le eccellenze” svolto presso la Biblioteca Nazionale Marciana da Elena Dell’Andrea, Gianluca Faso, Laura Sadocco, Michela  Socal: “I Ridotti dei Procuratori, nuove sale museali della Biblioteca Nazionale Marciana”.

    La Biblioteca Nazionale Marciana, nell’ambito del Progetto “500 giovani per la cultura” promosso dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, fra tre progetti ha scelto, per il gruppo assegnato di 4 unità (Elena Dell’Andrea, Gianluca Faso, Laura Sadocco, Michela  Socal),  il Progetto n.2: “Le eccellenze”. Il progetto ministeriale ha previsto attività di inventariazione e digitalizzazione del patrimonio culturale ed è stato avviato con una prima fase comune propedeutica dedicata alla conoscenza della Biblioteca, della sua storia e del suo patrimonio. Gli studi sono stati finalizzati alla ricognizione documentale sui Ridotti dei Procuratori di San Marco “de supra”, sulle opere che verranno esposte in quelle sale, su alcune ipotesi di allestimento dell’esposizione e sulla divulgazione via web delle informazioni raccolte.

    Due i percorsi oggetto di studio e di ricerca:

    • La storia degli spazi dei Ridotti dei Procuratori di San Marco de supra, attualmente in restauro ai fini di un’estensione del percorso museale delle Sale Monumentali (Libreria Sansoviniana, sede storica della Biblioteca, inserita nel Percorso integrato dei Musei di Piazza San Marco). Sono state prese in considerazione le trasformazioni nel tempo delle stanze comprendenti il riadattamento napoleonico e poi austriaco; la storia dei ritratti dei Procuratori de supra che arredavano le stanze e il cambiamento di destinazione d’uso delle stesse.
    • I singoli manufatti, già parte delle collezioni della Biblioteca Nazionale Marciana, che verranno ospitati nelle sale già Ridotti dei Procuratori: il Mappamondo di Fra' Mauro, la Veduta a volo d'uccello di Jacopo de' Barbari e il Mappamondo cordiforme turco-veneziano del quale si conservano le matrici lignee e l'impressione.

    L’ampia ricerca svolta ha dato vita a un prodotto multimediale, una mostra virtuale che sarà visibile sulla  piattaforma MOVIO: “I Ridotti dei Procuratori, nuove sale museali della Biblioteca Nazionale Marciana”.


    0 0
  • 06/27/16--04:07: #DomenicalMuseo
  • Ingresso gratuito al Museo Archeologico Nazionale di Venezia e alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana
    Domenica, 03 Luglio 2016

    Torna anche a luglio #DomenicalMuseo,giornata in cui tutti i musei e le aree archeologiche statali saranno visitabili gratuitamente,  in applicazione della norma del decreto Franceschini, in vigore dal primo luglio 2014, che stabilisce che ogni prima domenica del mese non si pagherà il biglietto per visitare monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali dello Stato.

    Domenica  3 luglio  2016, quindi, tutti potranno accedere gratuitamente al Museo Archeologico Nazionale e alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana, inseriti nel percorso integrato de “I Musei di Piazza San Marco”, (orario: 10.00 – 19.00, ultimo ingresso alle ore 18.00).

    Il pubblico che desidera visitare soltanto queste due sedi potrà accedervi dall’ingresso storico del Museo Archeologico: Piazzetta San Marco n. 17.

    Sarà anche l'occasione per visitare gratuitamente anche la mostra della Marciana dedicata all’architetto Adolf Loos e alla sua casa in Michaelerplatz a Vienna.

    Si precisa che, per motivi di sicurezza, non saranno ammessi visitatori con zaini, trolley e borse ingombranti. Non sarà permesso l’accesso di persone con il volto coperto, per precisa indicazione della Prefettura.


    0 0

    Giovedì, 28 Luglio 2016

    La Biblioteca Nazionale Marciana, in collaborazione con la National Library of Israel, giovedì 28 luglio 2016 dalle 15.00 alle 18.30, ospita nella sua sede monumentale (Libreria Sansoviniana, Piazzetta San Marco 13/a, con ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili) un convegno internazionale dedicato alla storia culturale e sociale della stampa del libro ebraico a Venezia.

    In occasione delle manifestazioni legate al Cinquecentenario del Ghetto di Venezia, l’appuntamento intende proporre una riflessione sulle dinamiche che portarono l’industria tipografica della Serenissima ad affermarsi per oltre un secolo, fra il Cinquecento e il Seicento, come principale motore di produzione di libri ebraici e come luogo di incontro culturale da cui generarono le idee che andarono concretizzandosi nei testi a stampa.

    Esperienze di fondamentale importanza, come la stampa della prima edizione completa del Talmud ad opera di Daniel Bomberg, si alternarono a episodi persecutori come il rogo dello stesso testo in Piazza San Marco. Alcuni fra i più noti studiosi di storia del libro provenienti dall’Europa, dagli Stati Uniti e da Israele si confronteranno sulle principali dinamiche culturali e sociali che hanno contribuito a realizzare un’esperienza di lungo periodo, che ha segnato profondamente sia la storia dell’ebraismo moderno, sia i percorsi di confronto fra mondo ebraico e mondo cristiano.

    La lingua ufficiale della conferenza è l’inglese.

    Con il sostegno della Rothschild Foundation (Hanadiv) Europe.


older | 1 | .... | 19 | 20 | (Page 21) | 22 | 23 | .... | 33 | newer