Are you the publisher? Claim or contact us about this channel


Embed this content in your HTML

Search

Report adult content:

click to rate:

Account: (login)

More Channels


Showcase


Channel Catalog


older | 1 | .... | 27 | 28 | (Page 29) | 30 | 31 | .... | 33 | newer

    0 0

    Due incontri sul programma iconografico del Salone della Libreria Sansoviniana
    da Ottobre 2017 a Novembre 2017

    Giovedì 26 ottobre, alle ore 17, in occasione dell’uscita del nuovo studio di J. Michael Broderick dedicato alla lettura del programma iconografico della Sala Sansoviniana, prende il via il ciclo di incontri “Custode della Sapienza”.Nel primo incontro saranno illustrati i tondi di Giuseppe Salviati, Battista Franco, Giulio Licinio, Bernardo Strozzi, Giambattista Zelotti e Alessandro Varotari.

    Saluto di Maurizio Messina, direttore della Biblioteca Nazionale Marciana.  Relatore: J. Michael Broderick.  Interviene: Susy Marcon, Biblioteca Nazionale Marciana.

    Il secondo incontro si terrà giovedì 9 novembre, alle ore 17 e saranno illustrati  i tondi di Giovanni de Mio, Paolo Veronese e Andrea Schiavone.

    Il Cinquecento fu l’età del mito di Venezia. Attraverso il linguaggio architettonico classico della rinnovata Piazza San Marco, la storiografia ufficiale e l’oratoria pubblica , Venezia promuoveva e celebrava se stessa di fronte a un’Europa di nazioni sempre più potenti. La Repubblica, nata libera, era destinata a durare in eternità grazie al perfetto equilibrio del suo ordinamento costituzionale e all’armoniosa cooperazione delle sue classi sociali.

    Il soffitto della Sala sansoviniana rappresenta il massimo impegno della cultura umanistica in questo compito di apologetica. Sullo sfondo di questo capolavoro del Manierismo veneziano sta la lettura del pensiero antico in dimensione politica e sociale. Presenta sotto forma di miti, di allegorie e di simboli una visione di Venezia come lo Stato ideale platonico retto da un’aristocrazia che si contraddistingueva  per la sua virtù etica e la sua dedizione allo studio della filosofia, la più alta espressione della capacità umana di ragionare. 

    La nuova proposta di lettura - pubblicata da Michael Broderick in “Studi veneziani” n.s. 73 (2016) con il titolo di Custodian of Wisdom: the Marciana Reading Room and the Transcendent Knowledge of God - prende in esame i dettagli delle figurazioni nel soffitto del Salone Sansoviniano. L'interpretazione dei singoli soggetti che compongono il soffitto fa riferimento alle fonti letterarie e iconografiche coeve e alla filosofia  platonica e neoplatonica, in armonia con il pensiero religioso cristiano e con la coscienza civile del Cinquecento veneziano.


    0 0
  • 10/19/17--00:57: #DomenicalMuseo
  • Giovedì, 19 Ottobre 2017

    Torna anche a novembre 2017 #DomenicalMuseo,  giornata in cui tutti i musei e le aree archeologiche statali saranno visitabili gratuitamente,  in applicazione della norma del decreto Franceschini, in vigore dal primo luglio 2014, che stabilisce che ogni prima domenica del mese non si pagherà il biglietto per visitare monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali dello Stato.

    Domenica  5 novembre  2017, quindi, tutti potranno accedere gratuitamente alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana e al Museo Archeologico Nazionalee, inseriti nel percorso integrato de “I Musei di Piazza San Marco” (orario: 10.00 – 17.00, ultimo ingresso alle ore 16.00).

    Il pubblico che desidera visitare soltanto queste due sedi potrà accedervi dall’ingresso storico della Libreria Sansoviniana (Piazzetta San Marco n.13/a, Venezia).

    Sarà inoltre l’ultima occasione per visitare gratuitamente anche la mostra “Gianmaria Buccellati. Capolavori d’arte orafa”, che si concluderà il 12 novembre prossimo, allestita nelle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana, e il restauro delle stanze dei Procuratori di San Marcode supra, che presto arricchiranno il Percorso integrato dei Musei di Piazza San Marco con nuove sale museali.

    Si precisa che, per motivi di sicurezza, non saranno ammessi visitatori con zaini, trolley e borse ingombranti. Non sarà permesso l’accesso di persone con il volto coperto, per precisa indicazione della Prefettura.


    0 0
  • 10/19/17--03:13: “Custode della Sapienza”
  • Primo incontro sul programma iconografico del Salone della Libreria Sansoviniana
    Giovedì, 26 Ottobre 2017

    Giovedì 26 ottobre, alle ore 17, in occasione dell’uscita del nuovo studio di J. Michael Broderick dedicato alla lettura del programma iconografico della Sala Sansoviniana, prende il via il ciclo di incontri “Custode della Sapienza”.  In questo primo incontro saranno illustrati i tondi di Giuseppe Salviati, Battista Franco, Giulio Licinio, Bernardo Strozzi, Giambattista Zelotti e Alessandro Varotari.

    Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili da Piazzetta San Marco 13/a, Venezia.

    Saluto di Maurizio Messina, direttore della Biblioteca Nazionale Marciana.  Relatore: J. Michael Broderick.  Interviene: Susy Marcon, Biblioteca Nazionale Marciana.

    Il Cinquecento fu l’età del mito di Venezia. Attraverso il linguaggio architettonico classico della rinnovata Piazza San Marco, la storiografia ufficiale e l’oratoria pubblica , Venezia promuoveva e celebrava se stessa di fronte a un’Europa di nazioni sempre più potenti. La Repubblica, nata libera, era destinata a durare in eternità grazie al perfetto equilibrio del suo ordinamento costituzionale e all’armoniosa cooperazione delle sue classi sociali.

    Il soffitto della Sala sansoviniana rappresenta il massimo impegno della cultura umanistica in questo compito di apologetica. Sullo sfondo di questo capolavoro del Manierismo veneziano sta la lettura del pensiero antico in dimensione politica e sociale. Presenta sotto forma di miti, di allegorie e di simboli una visione di Venezia come lo Stato ideale platonico retto da un’aristocrazia che si contraddistingueva  per la sua virtù etica e la sua dedizione allo studio della filosofia, la più alta espressione della capacità umana di ragionare. 

    La nuova proposta di lettura - pubblicata da Michael Broderick in “Studi veneziani” n.s. 73 (2016) con il titolo di Custodian of Wisdom: the Marciana Reading Room and the Transcendent Knowledge of God - prende in esame i dettagli delle figurazioni nel soffitto del Salone Sansoviniano. L'interpretazione dei singoli soggetti che compongono il soffitto fa riferimento alle fonti letterarie e iconografiche coeve e alla filosofia  platonica e neoplatonica, in armonia con il pensiero religioso cristiano e con la coscienza civile del Cinquecento veneziano.


    0 0

    AVVISO

    Venerdì 20 ottobre 2017 per una riunione sindacale del personale di custodia in appalto le Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana e la Mostra "Gianmaria Buccellati" chiuderanno in anticipo, alle ore 16.00.

    Ci scusiamo per il disagio.

     


    0 0

    ATTENZIONE ANCORA TENTATIVI DI TRUFFA

     

    Ieri pomeriggio, 19 ottobre, ci ha telefonato una signora che chiamava da Bassano del Grappa, la quale ci ha detto di

    essere stata contattata da una fantomatica dott. Conte della Marciana, dicendo che, in occasione di un presunto gemellaggio con la biblioteca di Bassano del Grappa, informava la signora che il giorno seguente un incaricato le avrebbe consegnato un libro a titolo gratuito e per questo voleva fissare un appuntamento.

    La signora e il marito, giustamente insospettiti, hanno chiamato la biblioteca di Bassano e la Marciana ed entrambe abbiamo confermato l'inesistenza di qualsiasi gemellaggio e consegna di libri a domicilio.

    Abbiamo suggerito alla signora di denunciare l'accaduto come un tentativo di truffa.

    Quindi, fate attenzione a simili proposte: la Biblioteca non consegna a domicilio alcun libro a titolo gratuito, né indice concorsi a premio, come è stato affermato in un altro episodio che ci è stato riferito, con analoghe modalità.

     

    Si tratta di truffatori che usano il nostro nome.


    0 0

    Secondo appuntamento di “ANDAR COMPARANDO” ciclo di incontri dedicati alla letteratura comparata A cura di Annalisa Bruni e Alessandro Scarsella
    Giovedì, 23 Novembre 2017

    Il ciclo “Andar comparando” dedicato alla letteratura comparata, a cura di Annalisa Bruni e Alessandro Scarsella,  continua giovedì 23 novembre 2017, alle ore 17. Il secondo appuntamento prevede la presentazione del libro di Donatella Boni, Come la vita. Caso, fortuna, destino da Pirandello a Woody Allen, Verona, Scripta edizioni, 2017.

    Saluto di Maurizio Messina, direttore della Biblioteca Nazionale Marciana. Sarà presente l’Autrice, che dialogherà con Alessandro Cinquegrani, Università degli Studi di Ca’ Foscari.

    Ingresso libero da Piazzetta San Marco 137/a, Venezia (Libreria Sansoviniana).

    Ci sono tanti modi di raccontare: oralmente, per iscritto, nei film, nei serial televisivi, ma in tutte le narrazioni accade qualcosa, fatti che cambiano il corso degli avvenimenti: fortunati, sfortunati, casuali, predestinati. Questo saggio si concentra su tali momenti che rappresentano le svolte, gli scambi, i crocevia del meccanismo narrativo e delle vicende dei personaggi. Come nella vita, alternative improvvise o meditate, conclamate o silenziose accendono e regolano le storie che più ci coinvolgono.

    “Quanti di noi in momenti di scelte che stavano ritenendo nodali non avrebbero voluto potersi almeno sdoppiare per vivere questa vita e quell’altra, usare quei (troppi o pochi) talenti di cui si sentivano dotati per fare questa o quella professione? Dividersi, segmentarsi per poi ritrovare l’altra parte di sé dopo trent’anni e sapere se è lei che ha fatto la scelta migliore o peggiore. Così dallo Spencer Brydon del jamesiano The Jolly Corner (1908) si può arrivare allo Ts’ui Pên del borgesiano El jardín de senderos que se bifurcan (1941), nel quale il dotto cinese scrive ossessivamente in un romanzo smisurato, labirintico, tutti i possibili sviluppi degli innumerevoli avvenimenti con cui l’eroe della sua narrazione è chiamato a confrontarsi. È forse questo, più che quello di Brydon alle prese con un suo singolo fantasma, il caso (o il destino?) dell’uomo del Novecento e più ancora di oggi, riflesso e smarrito nell’infinito caleidoscopio di consumi e avatar che Internet gli propone”. (Dalla prefazione di Stefano Tani)

    Donatella Boni lavora all’Università di Verona. È autrice di Geografia del desiderio (Capri, La Conchiglia, 2003) e di Discorsi dell’altro mondo (Verona, Ombre Corte, 2009).


    0 0

    A causa di lavori improrogabili sabato 4 novembre 2017 la Biblioteca chiuderà al pubblico alle ore 11 e nelle giornate di lunedì 6 e martedì 7 novembre 2017 ci potranno essere limitazioni e riduzioni nella presa dei libri. 

     


    0 0
  • 10/23/17--03:23: “Custode della Sapienza”
  • Secondo incontro sul programma iconografico del Salone della Libreria Sansoviniana
    Giovedì, 09 Novembre 2017

    Giovedì 9novembre 2017, alle ore 17, in occasione dell’uscita del nuovo studio di J. Michael Broderick dedicato alla lettura del programma iconografico del Salone Sansoviniano, si conclude il ciclo di incontri “Custode della Sapienza”. In questo secondo incontro saranno illustrati i tondi di Giovanni de Mio, Paolo Veronese e Andrea Schiavone.

    Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili da Piazzetta San Marco 13/a, Venezia.

    Saluto di Maurizio Messina, direttore della Biblioteca Nazionale Marciana.  Relatore: J. Michael Broderick.  Interviene: Susy Marcon, Biblioteca Nazionale Marciana.

    Il Cinquecento fu l’età del mito di Venezia. Attraverso il linguaggio architettonico classico della rinnovata Piazza San Marco, la storiografia ufficiale e l’oratoria pubblica , Venezia promuoveva e celebrava se stessa di fronte a un’Europa di nazioni sempre più potenti. La Repubblica, nata libera, era destinata a durare in eternità grazie al perfetto equilibrio del suo ordinamento costituzionale e all’armoniosa cooperazione delle sue classi sociali.

    Il soffitto della Sala sansoviniana rappresenta il massimo impegno della cultura umanistica in questo compito di apologetica. Sullo sfondo di questo capolavoro del Manierismo veneziano sta la lettura del pensiero antico in dimensione politica e sociale. Presenta sotto forma di miti, di allegorie e di simboli una visione di Venezia come lo Stato ideale platonico retto da un’aristocrazia che si contraddistingueva  per la sua virtù etica e la sua dedizione allo studio della filosofia, la più alta espressione della capacità umana di ragionare. 

    La nuova proposta di lettura - pubblicata da Michael Broderick in “Studi veneziani” n.s. 73 (2016) con il titolo di Custodian of Wisdom: the Marciana Reading Room and the Transcendent Knowledge of God - prende in esame i dettagli delle figurazioni nel soffitto del Salone Sansoviniano. L'interpretazione dei singoli soggetti che compongono il soffitto fa riferimento alle fonti letterarie e iconografiche coeve e alla filosofia  platonica e neoplatonica, in armonia con il pensiero religioso cristiano e con la coscienza civile del Cinquecento veneziano. 


    0 0

    Novembre 2017

     Helicotrema - festival audio registrato e il ServizioLibro Parlato  della Biblioteca Nazionale Marciana collaborano per offrire due pomeriggi di ascolti aperti al pubblico legati a composizioni sonore contemporanee e alla divulgazione del progetto Libro Parlato alla cittadinanza.  

    Il primo appuntamento, mercoledì 22 novembre, alle ore 17.00, sarà dedicato a diverse immagini della città di Venezia e partirà dall'ascolto della lettura di Fondamenta degli Incurabili di Iosif Brodskij combinata con alcuni paesaggi sonori e racconti legati alla città raccolti in diverse edizioni del festival.

    Il secondo appuntamento, venerdì 24 novembre, alle ore 17.00, si concentrerà più sulla narrazione a partire da diversi estratti degli audiolibri conservati nell'archivio del Libro Parlato.

    Il Servizio Libro Parlato Lions, rivolto a non vedenti, ipovedenti e dislessici, è attivo nella Biblioteca Marciana dal 2008. La banca dati  nazionale del Libro Parlato Lions raccoglie più di 9000 audiolibri dai classici a libri per ragazzi a romanzi contemporanei.

    La Biblioteca Marciana con il Servizio Libro Parlato fa parte di una rete di istituzioni veneziane che valorizza l’inclusività dei patrimoni culturali cittadini, collaborando con eventi ed iniziative, e coordina la produzione degli audio libri da parte dei donatori di voce, formandoli e editando le registrazioni. Oltre che ospitare una cabina registrazione, il servizio forma la comunità dei donatori di voce per permettere di collaborare al progetto in piena autonomia anche dalla propria abitazione. Per collaborare e diventare donatori di voce: libroparlato@marciana.venezia.sbn.it

     

    Helicotrema è un festival che presenta una programmazione di brani audio registrati, e si pone come obiettivo di indagare le possibilità di un ambiente e di una forma di ascolto collettiva, come accadeva nei primi decenni delle trasmissioni radiofoniche. Per la sua sesta edizione, il festival torna con un’edizione tutta veneziana grazie alla collaborazione e al sostegno di diverse istituzioni che permetteranno di esplorare la città attraverso occasioni di ascolto aperte a tutti.


    0 0

    AVVISO

    A causa di uno sciopero proclamato da una organizzazione sindacale, venerdì 10 novembre 2017 ci potranno essere limitazioni e riduzioni nella presa dei libri. 

    Lunedì 13 novembre 2017, a causa della partecipazione di buona parte del personale a un corso obbligatorio sulla sicurezza, la presa e ricollocazione dei libri stampati saranno sospesi.


    0 0

    Mercoledì, 22 Novembre 2017

    Helicotrema - festival audio registrato e il ServizioLibro Parlato della Biblioteca Nazionale Marciana collaborano per offrire due pomeriggi di ascolti aperti al pubblico legati a composizioni sonore contemporanee e alla divulgazione del progetto Libro Parlato alla cittadinanza.  

    Mercoledì 22 novembre, alle ore 17.00, la Biblioteca Nazionale Marciana ospiterà nelle sue sale Monumentali (ingresso da Piazzetta San Marco 13/a, Venezia) il primo appuntamento del Festival Helicotrema.

    L’incontro, dal titolo: “Fondamenta delle Voci - L'archivio del Libro Parlato incontra l'archivio del Festival Helicotrema”, sarà dedicato a diverse immagini della città di Venezia e partirà dall'ascolto della lettura di Fondamenta degli Incurabili di Iosif Brodskij combinata con alcuni paesaggi sonori e racconti legati alla città raccolti in diverse edizioni del festival.

    Il Servizio Libro Parlato Lions, rivolto a non vedenti, ipovedenti e dislessici, è attivo nella Biblioteca Marciana dal 2008. La banca dati  nazionale del Libro Parlato Lions raccoglie più di 9000 audiolibri dai classici a libri per ragazzi a romanzi contemporanei.

    La Biblioteca Marciana con il Servizio Libro Parlato fa parte di una rete di istituzioni veneziane che valorizza l’inclusività dei patrimoni culturali cittadini, collaborando con eventi ed iniziative, e coordina la produzione degli audio libri da parte dei donatori di voce, formandoli ed editando le registrazioni. Oltre che ospitare una cabina registrazione, il servizio forma la comunità dei donatori di voce per permettere di collaborare al progetto in piena autonomia anche dalla propria abitazione. Per collaborare e diventare donatori di voce: libroparlato@marciana.venezia.sbn.it

    Helicotremaè un festival che presenta una programmazione di brani audio registrati, e si pone come obiettivo di indagare le possibilità di un ambiente e di una forma di ascolto collettiva, come accadeva nei primi decenni delle trasmissioni radiofoniche. Per la sua sesta edizione, il festival torna con un’edizione tutta veneziana grazie alla collaborazione e al sostegno di diverse istituzioni che permetteranno di esplorare la città attraverso occasioni di ascolto aperte a tutti.


    0 0
  • 11/08/17--01:40: Limitazioni servizi
  • 8 novembre: per lavori di manutenzione, non saranno disponibili per la consultazione e il prestito le opere con le seguenti collocazioni, fino al termine dei lavori:

    da LEO B 6751 a LEO B 9489

    da 1 A 70 a 34 A 315 (ad esclusione dei libri collocati 4 -7 A che sono disponibili)


    0 0

    AVVISO

    Le nostre Sale Monumentali, inserite nel Percorso integrato dei Musei di Piazza San Marco, chiuderanno per il disallestimento della mostra di Buccellati dal 13 al 17 novembre 2017.

    Ci scusiamo per il disagio.


    0 0

    Venerdì, 24 Novembre 2017

    Helicotrema - festival audio registrato e il ServizioLibro Parlato della Biblioteca Nazionale Marciana collaborano per offrire due pomeriggi di ascolti aperti al pubblico legati a composizioni sonore contemporanee e alla divulgazione del progetto Libro Parlato alla cittadinanza.  

    Venerdì 24 novembre, alle ore 17.00, la Biblioteca Nazionale Marciana ospiterà nelle sue Sale Monumentali (ingresso da Piazzetta San Marco 13/a, Venezia) il secondo e ultimo appuntamento del Festival Helicotrema.

    L’incontro, dal titolo: “Fondamenta delle Voci - L'archivio del Libro Parlato incontra l'archivio del Festival Helicotrema” si concentrerà sulla narrazione a partire da diversi estratti degli audiolibri conservati nell'archivio del Libro Parlato.

    Il Servizio Libro Parlato Lions, rivolto a non vedenti, ipovedenti e dislessici, è attivo nella Biblioteca Marciana dal 2008. La banca dati  nazionale del Libro Parlato Lions raccoglie più di 9000 audiolibri dai classici a libri per ragazzi a romanzi contemporanei.

    La Biblioteca Marciana con il Servizio Libro Parlato fa parte di una rete di istituzioni veneziane che valorizza l’inclusività dei patrimoni culturali cittadini, collaborando con eventi ed iniziative, e coordina la produzione degli audio libri da parte dei donatori di voce, formandoli ed editando le registrazioni. Oltre che ospitare una cabina registrazione, il servizio forma la comunità dei donatori di voce per permettere di collaborare al progetto in piena autonomia anche dalla propria abitazione. Per collaborare e diventare donatori di voce: libroparlato@marciana.venezia.sbn.it

    Helicotremaè un festival che presenta una programmazione di brani audio registrati, e si pone come obiettivo di indagare le possibilità di un ambiente e di una forma di ascolto collettiva, come accadeva nei primi decenni delle trasmissioni radiofoniche. Per la sua sesta edizione, il festival torna con un’edizione tutta veneziana grazie alla collaborazione e al sostegno di diverse istituzioni che permetteranno di esplorare la città attraverso occasioni di ascolto aperte a tutti.


    0 0

    Si ricorda che, in occasione della festività della Salute, il 21 novembre 2017 la Biblioteca Nazionale Marciana sarà chiusa.

    Saranno regolarmente aperte invece le Sale Monumentali (ingresso dal Museo Correr con biglietto del Percorso integrato dei Musei di Piazza San Marco).


    0 0

    A causa di lavori improrogabili, nella giornata di sabato 18 novembre 2017 la Biblioteca chiuderà al pubblico alle ore 11.

    Ci scusiamo per il disagio.

     

     


    0 0

    Venerdì, 01 Dicembre 2017

    La Biblioteca Nazionale Marciana, in collaborazione con la Fondazione Ugo e Olga Levi onlusvenerdì 1° dicembre, alle ore 16.00 inaugura la mostra “Musico perfetto. Gioseffo Zarlino (1517-2017). La teoria musicale a stampa nel Cinquecento”, nell’ambito delle celebrazioni per il quinto centenario della nascita del musicista. Ingresso da Piazzetta San Marco 13/a, Venezia. ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili

    L’esposizione, a cura di Luisa Zanoncelli, propone un’ampia selezione della trattatistica musicale cinquecentesca conservata dalla Biblioteca Marciana e un documento gentilmente concesso in prestito dall’Archivio di Stato di Venezia.

    Comitato scientifico: Giorgio Busetto (Fondazione Levi); Cristle Collins Judd (Sarah Lawrence College, NY); Marco Gozzi (Università di Trento); Maurizio Messina (Biblioteca Nazionale Marciana); Massimo Privitera (Università di Palermo); Katelijne Schiltz (Universität Regensburg); Luisa Zanoncelli (Fondazione Levi).

    Carlo e Davide Teodoro eseguiranno GRANDE FRATELLO. Alla memoria di Gioseffo Zarlino di Claudio Ambrosini.

    La mostra sarà aperta al pubblico dal 2 dicembre 2017 al 31 gennaio 2018 con ingresso dal Museo Correr, Piazza San Marco – Ala Napoleonica (orario: 10-17, la biglietteria chiude un’ora prima; biglietto del Percorso integrato dei Musei di Piazza San Marco).

    Catalogo pubblicato in coedizione dalla Biblioteca Nazionale Marciana e dalla Fondazione Levi.

    Si ringraziano per la collaborazione il Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna e la ditta Interlinea.

    Nel periodo dagli ultimi decenni del Quattrocento all’inizio del Seicento ha luogo un profondo cambiamento nel pensiero musicale conseguente alla recezione umanistica degli antichi ideali estetici, pur nella continuità con la tradizione: almeno fino a metà del Cinquecento restano infatti vive la secolare eredità boeziana della musica come disciplina matematica, e l’altrettanto secolare separazione tra polifonia e pensiero speculativo. Nel nuovo clima delle corti e delle accademie, con mecenati e amatori profondamente interessati alla musica, in Italia si assiste a una straordinaria produzione di trattatistica musicale in volgare, diffusa appena possibile attraverso la stampa. La finalità più ambiziosa è, sulle orme per esempio del De architectura di Vitruvio, costruire un organico quadro filosofico, scientifico ed estetico da cui derivare le regole che governano la monodia sacra e la polifonia. Le Istitutioni harmoniche(1558) di Zarlino, che definisce ‘musico perfetto’ chi è pienamente padrone dei domini pratico e speculativo, sono fra i più rilevanti esiti di questa istanza; anche nella forma si seguono spesso antichi paradigmi: lo schema euclideo, ordinato in definizioni, proposizioni e corollari, oppure il dialogo (come nelle Dimostrationi harmoniche - 1571 - zarliniane).

    I trentacinque esemplari esposti mettono in luce le tappe fondamentali del percorso, e le tematiche discusse: rapporto fra teoria e prassi, fra senso e intelletto; razionalizzazione delle tecniche compositive; controllo delle dissonanze; proporzioni e notazione; costruzione di forme equilibrate; modalità e suo legame con gli affetti; antichi generi cromatico ed enarmonico; accordature e temperamenti; supremazia della parola. In questo periodo si portano a termine la codificazione e il raffinamento del contrappunto e si prepara la radicale svolta stilistica che a fine secolo sfocerà nel melodramma e nella monodia accompagnata.

    Fra gli esemplari esposti ci sono manoscritti latini di teoria medievale, manoscritti greci all’origine dell’impatto del sapere musicale greco sulla musica dell’Occidente, fra cui lo splendido Aristoxenus bessarioneo, e scritti a stampa di Burzio, Gaffurio, Aaron, Zarlino, Fogliano, Spataro, Glareano, Vicentino, Zacconi, Vincenzo Galilei, Tigrini, Artusi, Banchieri e Diruta.

    Si ha così l’opportunità di osservare nella sua reale concretezza una tipologia di testi interessante per gli esempi musicali, le tabelle, gli schemi che chiariscono i contenuti molto complicati (come ha riconosciuto Giorgio Valla). Dall’insieme emerge anche il progresso tecnologico: il più antico incunabolo di teoria musicale rimasto (Burzio, Musices opusculum, 1487) presenta esempi dai righi e dalle note rozzamente xilografati; il testo latino, in un unico blocco pesante, denso di abbreviazioni, ricalca ancora la pagina manoscritta. Nelle cinquecentine successive gli schemi e le tavole sono sempre più elegantemente disegnati e decorati, le riproduzioni musicali sono nitide, il testo, nel corsivo tipico delle pubblicazioni in volgare, è distribuito armonicamente nello spazio della pagina e ricco di interventi paratestuali: titoli, sottotitoli, rinvii a margine, note. Tutti questi aspetti, insieme al colore della carta e al solco dell’incisione, evocano l’impegno intellettuale e artigianale profuso allora perché si potesse in seguito penetrare i segreti di una tappa straordinaria della storia della musica.


    0 0

    Martedì, 05 Dicembre 2017

    La Biblioteca Nazionale Marciana ospiterà, martedì 5 dicembre 2017, alle ore 17.00, nelle sue Sale Monumentali (Venezia, Liberia Sansoviniana, Piazzetta San Marco n. 13/a), l’evento «Nova Charta e Venipedia insieme per “Salviamo un codice”» e per un nuovo progetto di salvaguardia culturale. Questo il programma dell'incontro:

    • Saluto di Maurizio Messina (Direttore della Biblioteca Nazionale Marciana)
    • L’importanza della digitalizzazione per la cultura: Leonardo Granata (Università degli Studi di Padova)
    • La storia di Nova Charta: Giovanni Rapazzini (Nova Charta)
    • Venipedia,da enciclopedia online a piattaforma di servizio: Marco Trevisan (Venipedia®)
    • Nova Charta e Venipedia, insieme per un nuovo futuro editoriale: Davide Scalzotto (Il Gazzettino)

    Dal 2008 con il progetto Salviamo un codice Nova Charta ha sostenuto il recupero di antichi codici come il Codice Sforza di Ludovico il Moro, il diario di viaggio di Vincenzo Scamozzi, il taccuino di Gaspar van Wittel con gli studi per rendere navigabile il Tevere, e anche la coperta staccata di un messale della Biblioteca Marciana, opera di oreficeria bizantina. L’iniziativa è collegata alla stampa dei facsimili delle opere restaurate e alla collana Quaderni di Restauro. Venipedia, dal canto suo, dal 2012 sta costruendo una biblioteca digitale infinita e geolocalizzata, non solo di Venezia, ma anche di altre geografie, in collaborazione e in sinergia con le istituzioni del territorio, con più di 6.400 contenuti culturali, schede enciclopediche, immagini attuali e storiche, oltre 100 ore di video, offrendo a più di 120.000 visitatori annui da oltre 80 paesi nel mondo un’esperienza culturale unica ed innovativa. Due modi di lavorare a un nuovo modo di intendere la salvaguardia culturale, come bene condiviso e produttivo di reti e saperi. Due mondi che da oggi collaboreranno per diffondere il progetto Salviamo un codice grazie all’esperienza pluriennale di Venipedia nella creazione di innovativi modelli divulgativi e di servizio su web su smartphone e  nel mondo digitale.


    0 0

    Domenica, 03 Dicembre 2017

    Torna anche a dicembre 2017 #DomenicalMuseo,  giornata in cui tutti i musei e le aree archeologiche statali saranno visitabili gratuitamente,  in applicazione della norma del decreto Franceschini, in vigore dal primo luglio 2014, che stabilisce che ogni prima domenica del mese non si pagherà il biglietto per visitare monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali dello Stato.

    Domenica  3 dicembre  2017, quindi, tutti potranno accedere  gratuitamente  alle Sale Monumentali della Biblioteca  Nazionale  Marciana  e al Museo  Archeologico Nazionale e, inseriti nel percorso integrato de “I Musei di Piazza San Marco” (orario: 10.00 – 17.00, ultimo ingresso alle ore 16.00).

    Il pubblico che desidera visitare soltanto queste due sedi potrà accedervi dall’ingresso storico della Libreria Sansoviniana (Piazzetta San Marco n.13/a, Venezia).

    Sarà inoltre l’occasione per visitare gratuitamente anche la mostra “Musico perfetto. Gioseffo Zarlino (1517 – 2017). La teoria musicale a stampa nel Cinquecento” allestita nelle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana.

    Si precisa che, per motivi di sicurezza, non saranno ammessi visitatori con zaini, trolley e borse ingombranti. Non sarà permesso l’accesso di persone con il volto coperto, per precisa indicazione della Prefettura.


    0 0

    Terzo appuntamento di “ANDAR COMPARANDO” - ciclo di incontri dedicati alla letteratura comparata
    Giovedì, 14 Dicembre 2017

    Il ciclo “Andar comparando” dedicato alla letteratura comparata, a cura di Annalisa Bruni e Alessandro Scarsella,  continua giovedì 14 dicembre 2017, alle ore 16.30. Il programma del terzo appuntamento è stato modificato: presenteremo il volumediSilviaCamilottie Tatiana Crivelli, Che razza di letteratura è? Intersezioni di diversità nella letteratura italiana contemporanea,Venezia, Edizioni Ca’ Foscari, 2017 (e-book) in quanto la pubblicazione del libro di Alessandro Cinquegrani, Contro il pensiero. Cinque immagini su nazismo e contemporaneità, è stata posticipata alla primavera, pertanto la presentazione è stata rimandata a data da destinarsi.

    Saluto di Maurizio Messina, direttore della Biblioteca Nazionale Marciana. Sarà presente l’Autrice Silvia Camilotti, che dialogherà con Alessandro Scarsella, Università degli Studi di Ca’ Foscari.

    Ingresso libero da Piazzetta San Marco 137/a, Venezia (Libreria Sansoviniana).

    Il libro è scaricabile a questo link: http://edizionicafoscari.unive.it/it/edizioni/libri/978-88-6969-181-2/

    La forza performativa della finzione letteraria costituisce il punto di partenza di questo studio che, attraverso un nuovo approccio critico, prende in esame i modi con cui la letteratura riesce sia a rappresentare, sia a produrre nuove realtà. Nell’analizzare opere quali Il paese dove non si muore mai (Ornela Vorpsi, 2005) e Timira. Romanzo meticcio (Wu Ming 2 e Antar Mohamed, 2012), questo studio applica per la prima volta un approccio pienamente intersezionale ai testi della letteratura legata alle migrazioni. Esso mostra come l’efficacia delle figure letterarie della diversità, messe in scena in questi romanzi, sia esito di una sottile tessitura, che fa interagire tra loro fattori connessi al genere, all’estrazione socio-culturale e all’appartenenza/esclusione a un gruppo. 

    Silvia Camilotti ha conseguito il dottorato di ricerca in Lingue, Culture e Comunicazione interculturale presso l’Università di Bologna, dove è stata assegnista di ricerca e docente contrattista di letteratura italiana. Incentra la propria ricerca sullo studio delle espressioni artistiche degli immigrati (focalizzandosi sulla letteratura, con una particolare attenzione ad un’ottica di genere), e sulla didattica interculturale della letteratura, temi su cui ha scritto vari articoli e saggi. Collabora con l’Archivio Scritture Scrittrici Migranti dell’Università Ca’ Foscari, Venezia e insegna presso la Scuola Svizzera di Bergamo. Tra le sue pubblicazioni: Cartoline d'Africa. Le colonie italiane nelle rappresentazioni letterarie( 2014).


older | 1 | .... | 27 | 28 | (Page 29) | 30 | 31 | .... | 33 | newer