Are you the publisher? Claim or contact us about this channel


Embed this content in your HTML

Search

Report adult content:

click to rate:

Account: (login)

More Channels


Showcase


Channel Catalog


older | 1 | .... | 11 | 12 | (Page 13) | 14 | 15 | .... | 33 | newer

    0 0
  • 01/23/15--01:22: #Domenicaalmuseo
  • Ingresso gratuito alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana e al Museo Archeologico Nazionale
    Domenica, 01 Febbraio 2015

    Torna anche a febbraio #DomenicaalMuseo,giornata in cui tutti i musei e le aree archeologiche statali saranno visitabili gratuitamente,  in applicazione della norma del decreto Franceschini, in vigore dal primo luglio, che stabilisce che ogni prima domenica del mese non si pagherà il biglietto per visitare monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali dello Stato.

    Domenica  1°  febbraio 2015, quindi, tutti potranno accedere gratuitamente alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana eal Museo Archeologico Nazionale, inseriti nel percorso integrato de “I Musei di Piazza San Marco”, (orario: 10.00 – 17.00, ultimo ingresso alle ore 16.00).

    Il pubblico che desidera visitare soltanto queste due sedi, pertanto, potrà accedervi dall’ingresso storico della Libreria sansoviniana: Piazzetta San Marco n. 13/a. Si precisa che, per motivi di sicurezza, non saranno ammessi visitatori con zaini, trolley e borse ingombranti.

     

     


    0 0

    Nei giorni 28 e 29 gennaio i periodici con collocazione Per.2028 - Per.2267 e Per.3791 - Per.3982 non saranno consultabili a causa di lavori nei depositi.


    0 0

    Lectio magistralis di Amedeo Quondam per l’apertura dell’anno manuziano marciano
    Venerdì, 06 Febbraio 2015

    In occasione del V° centenario della morte di Aldo Manuzio il Vecchio, nell’ambito del ciclo di incontri, eventi, laboratori “Aldo al lettore… Invito in Biblioteca Nazionale Marciana alla scoperta del mondo di Manuzio” a cura di Tiziana Plebani, venerdì 6 febbraio 2015, alle ore 17. 00, si aprirà ufficialmente l’anno manuziano marciano con la lectio magistralis di Amedeo Quondam “Aldo Romano: una vita per il libro”.

    L'esperienza di Aldo Manuzio è da tempo entrata nei miti fondativi dell'identità occidentale, per le eccezionali caratteristiche del suo lavoro di editore umanista, impegnato non solo nella restituzione filologica della biblioteca classica, ma anche nell'elaborazione grafica del corpo materiale del libro prodotto dalla nuova ars artificialiter scribendi, nella continua ricerca sperimentale della sua autonomia visiva e comunicativa rispetto alla grande tradizione del libro manoscritto, della sua ars naturaliter scribendi. Per avere edizioni non solo "critiche" ma anche belle: perché il valore estetico è la nuova variabile che non consiste più nei materiali preziosi che rendevano belli i codici, ma nel primato del design dei caratteri tipografici e della loro messa in pagina.

    Amedeo Quondam
    Professore emerito di Letteratura italiana presso la Facoltà di Lettere e Filosofia della Sapienza Università di Roma, è presidente del Centro di studi “Europa delle Corti” e del sito web “Biblioteca Italia”; fa parte del Comitato di direzione scientifica del Dizionario Biografico degli Italiani. Tra i suoi studi più recenti in monografia: Petrarca, l’italiano dimenticato (Milano 2004); Tre inglesi, l’Italia, il Rinascimento. Sondaggi sulla tradizione di un rapporto culturale e affettivo (Roma 2006); La conversazione. Un modello italiano (Roma 2007); Tutti i colori del nero. Moda e cultura del gentiluomo nel Rinascimento (Vicenza 2007); Forma del vivere. L’etica del gentiluomo e i moralisti italiani (Bologna 2010); Risorgimento a memoria. Le poesie degli italiani (Roma 2011); Rinascimento e Classicismi. Forme e metamorfosi della modernità (Bologna 2013).

    L’incontro sarà trasmesso in diretta web tv sul canale Venipedia TV: http://venipedia.it/tv/venipedia/ .

    Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

    Informazioni: didattica@marciana.venezia.sbn.it 


    0 0

    Sabato, 07 Febbraio 2015

    La Biblioteca Nazionale Marciana organizza, in collaborazione con il Comitato di Venezia della Società Dante Alighieri, sabato 7 febbraio 2015, alle ore 11.00, nel Vestibolo della Libreria Sansoviniana, sua sede monumentale (Piazzetta San Marco 13/a, Venezia), la presentazione della nuova edizione italiana del libro di William Dean Howells,Vita a Venezia, a cura di Gaetano Prampolini. Traduzione dall’inglese di Emma Sereni, con la collaborazione di Gaetano Prampolini, Ed. C.I.R.V.I., 2014. Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

    Saluti: Maurizio Messina, direttore della Biblioteca Nazionale Marciana, e Rosella Mamoli Zorzi, Società Dante Alighieri, Comitato di Venezia. Relatore: Rita Severi, Università degli Studi di Verona. Saranno presenti il curatore e la traduttrice.

    Nel 1861 un giovane americano dell’Ohio sbarcava a Venezia, con un posto di console, avuto come compenso per la biografia scritta per la campagna presidenziale di Lincoln. William Dean Howells (1837-1922) rimase nella città per tutto il periodo in cui l’America era insanguinata dalla Guerra Civile. Dapprima, solo, dopo un breve periodo in albergo, abitò in campo S. Bartolomeo, invaso di banchetti di ceramiche e vetri, di vestiti, mandorlati e mostarda a Natale, luogo di fin troppo vivaci scambi e commercio per il suo orecchio. Sposatosi a Parigi nel 1862 con Elinor Mead, sorella di uno scultore, si trasferì a palazzo Falier sul Canal Grande, dove nacque la figlia Winifred nel 1863, e poi la famiglia abitò a Palazzo Giustinian, accanto a Ca’ Foscari. In questi anni di assai poco lavoro, Howells scrisse delle lettere ad un giornale di Boston, destinate ad essere raccolte e pubblicate con il titolo di Venetian Life nel 1866. Il giovane scrittore, futuro padre del realismo americano, romanziere di successo, e direttore dell’Atlantic Monthly, amico di Mark Twain e di Henry James, si proponeva di ritrarre una Venezia realistica, diversa dall’immagine romantica resa popolare da Byron e Cooper, o dalla storiografia di un Daru. Il suo occhio osserva la vita di tutti i giorni, le figure dei venditori di zucca e di fumanti pere cotte, o di profumate caldarroste, le “bigolanti” che portavano l’acqua in due secchi appesi alle estremità di un palo ricurvo tenuto in equilibrio sulle spalle. Numerose le note sui mendicanti, uno dei quali chiede la carità dal suo sandolo. Frequenta i teatri, registra i modi di vivere dei veneziani, spesso poveri, si addentra nel ghetto dove assiste allo spennamento delle oche, visita i caffè, entra in chiede gelide, ancor più gelide se parte di quel Rinascimento o del barocco condannato da Ruskin, sua fedele guida architettonica. Il libro ebbe un enorme successo, e ne uscirono diverse edizioni; in quelle degli inizi del Novecento Howells rinnegò la sua giovanile sudditanza ai diktat Ruskin.


    0 0

    Domenica, 08 Febbraio 2015

    Prosegue anche nel 2015 l’offerta di visite guidate alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana (Libreria Sansoviniana), che si tiene la seconda domenica di ogni mese.

    Il prossimo appuntamento è previsto per domenica 8 febbraio alle ore 10.30, 12.00 e 15.00: nel corso della visita verranno illustrati lo scalone monumentale e la decorazione pittorica presente all’interno delle Sale Monumentali. Si accennerà inoltre alla storia costruttiva dell’edificio.

    Non è necessario prenotare.
    Punto di incontro: all’interno delle Sale Monumentali.

    Si precisa che l'accesso alle Sale Monumentali avviene dal Museo Correr (Piazza San Marco, Ala Napoleonica) ed è subordinato all'acquisizione del biglietto unico dei Musei di Piazza San Marco (valido per il Museo Correr, il Museo Archeologico Nazionale, la Libreria Sansoviniana e Palazzo Ducale), gratuito per i residenti e nati nel Comune di Venezia.

    Informazioni:
    lunedì - venerdì 041.2407238 e domenica 041.2407223

    0 0

    Conferenza di Neil Harris
    Giovedì, 19 Febbraio 2015

    In occasione del V° centenario della morte di Aldo Manuzio il Vecchio, nell’ambito del ciclo di incontri, eventi, laboratori “Aldo al lettore… Invito in Biblioteca Nazionale Marciana alla scoperta del mondo di Manuzio” a cura di Tiziana Plebani, giovedì 19 febbraio 2015, alle ore 17. 00, si terrà la conferenza di Neil Harris: “La bottega tipografica del Rinascimento. Un autoritratto in immagini: torchi, torcolieri, compositori, incisori di caratteri, correttori”.

    Durante l’incontro verrà ripercorsa l’iconografia della bottega tipografica del XV e del XVI secolo, partendo dalla Danse macabre lionese del 1499, per illustrare e spiegare l’organizzazione del processo di stampa con il torchio manuale, diviso fra i ruoli differenti del compositore e del torcoliere.

    Neil Harris insegna Bibliologia all’Università degli Studi di Udine dal 1992. Nato in Uganda, si è laureato a Oxford nel 1980 in Lingua e letteratura inglese, nel 1986 ha conseguito un Ph.D. a Leicester (GB) in Letteratura comparata sul Paradise Lost di John Milton (1667), e nel 1989 ha conseguito un Perfezionamento presso la Scuola Normale Superiore di Pisa. È noto soprattutto come studioso del libro italiano del Quattro e Cinquecento, sia per la Bibliografia dell’Orlando Innamorato (Modena 1988-91), sia per i lavori più recenti sull’editoria veneziana e sull’Hypnerotomachia Poliphili del 1499.

    L’incontro sarà trasmesso in diretta web tv sul canale Venipedia TV: http://venipedia.it/tv/venipedia/

    Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

    Informazioni: didattica@marciana.venezia.sbn.it 


    0 0

    I periodici compresi tra le collocazioni PER. 2053 - PER. 2222 non sono consultabili a causa di infiltrazioni d'acqua nei magazzini.


    0 0

    Martedì, 24 Febbraio 2015

    La Biblioteca Nazionale Marciana, martedì 24 febbraio 2015, alle ore 17,  ospiterà nella sua sede monumentale (Vestibolo della Libreria Sansoviniana, Piazzetta San Marco 13/a, Venezia) la presentazione del romanzo di Leonardo Colombati, 1960 (Mondadori).

    Saluto del Direttore della Biblioteca Nazionale Marciana, Maurizio Messina. Interviene Giovanni Pellizzato. Sarà presente l’autore.

    È il 25 agosto 1960. A Roma è in pieno svolgimento la cerimonia d'apertura della XVII Olimpiade: quella destinata a essere ricordata per Cassius Clay e Livio Berruti, Wilma Rudolph e Abebe Bikila. Sotto gli occhi dei capi di Stato di tutto il mondo, nel nuovo stadio sfilano gli atleti. Ma in quegli stessi giorni, non sono solo le delicate questioni di politica internazionale – che ogni Olimpiade si porta dietro – a preoccupare i Servizi segreti italiani: si è infatti diffusa sempre più insistente la voce che sia in preparazione un colpo di Stato che dovrebbe prendere le mosse dal rapimento del presidente della Repubblica, Gronchi. Per le indagini del caso, il generale De Lorenzo attiva uno dei suoi uomini migliori, il tenente colonnello Agostino Savio, distaccato presso la compagnia telefonica con il compito di intercettare le chiamate del maggiore Meneguzzer, anche lui agente del SIFAR, probabilmente coinvolto nel tentativo di golpe. Agostino si servirà a sua volta di un impiegato della compagnia telefonica, Gianni Negri, inconsapevole "spia" a cui è stato ufficialmente demandato il compito di intercettare e interpretare i bisogni di una nuova e interessantissima categoria di potenziali consumatori: i giovani. Tra questi – guarda caso – c'è anche Olimpia, figlia del maggiore Meneguzzer, adolescente incantatrice, intorno al cui fascino ruotano tutti i protagonisti del romanzo. Una perfetta ricostruzione storica e la capacità quasi cinematografica di restituire la realtà del passato attraverso un filtro che la rende vicinissima, si uniscono in queste pagine a una vivacissima invenzione romanzesca e a un afflato epico, facendo di 1960 il grande affresco di un'epoca e al tempo stesso un thriller incalzante e terribile.

    Leonardo Colombatiè nato nel 1970 a Roma. Ha pubblicato i romanzi Perceber(Sironi 2005; Fandango 2010), Rio (Rizzoli 2007) e Il re(Mondadori 2009). Ha curato i volumi Bruce Springsteen: Come un killer sotto il sole. Il Grande Romanzo Americano (Sironi 2007) e La canzone italiana 1861-2011. Storia e testi(Mondadori 2010). È redattore della rivista "Nuovi Argomenti" e ha scritto per diverse testate, tra cui "Corriere della Sera", "Il Giornale" e "Vanity Fair". Collabora a "IL", mensile de "Il Sole-24 Ore". È membro del Pen Club italiano.

     


    0 0
  • 02/04/15--03:20: Il viaggio dei santi
  • Secondo incontro del ciclo: Dal Mediterraneo a Venezia. In viaggio verso la laguna
    Giovedì, 26 Febbraio 2015

    Giovedì 26 febbraio 2015, alle ore 17, prosegue il ciclo Dal Mediterraneo a Venezia. In viaggio verso la laguna, con la conferenza di Marco Molin:  Il viaggio dei santi. Saluto di Maurizio Messina, direttore della Biblioteca Nazionale Marciana.

    La mitica Translatio Sancti Marciè sicuramente una delle pagine più conosciute della storiografia veneziana per quel suo sapore intrigante di storia e di mito nel quale religione e politica si intrecciano inscindibilmente per rendere ancora più importante la storia della Serenissima. Sono però molteplici le reliquie giunte nel corse dei secoli a Venezia, soprattutto dall’Oriente, corpi di santi antichi e dai nomi più disparati, oggetto in alcuni casi di sicura devozione, ma in altri emblemi politici dalla vita curiosa e leggendaria.

    L’incontro è il secondo di quattro appuntamenti, coordinati da Maddalena Bassani, Lorenzo Braccesi e Marco Molin e organizzati  dalla Biblioteca Nazionale Marciana e il Centro Studi Torcellani a seguito del notevole riscontro di pubblico e l’apprezzamento della critica ottenuti nel 2013 e nel 2014. Questo terzo ciclo di quattro conferenze vuol proporre una nuova lettura di tematiche legate alla storia, all’arte e all’archeologia di Venezia e della sua laguna, secondo lo stile scientifico-divulgativo che anima il progetto nato da questa collaborazione.

     


    0 0

    Pubblicazione Aldine marciane scaricabile alla pagina http://marciana.venezia.sbn.it/la-biblioteca/la-storia-e-il-patrimonio/pubblicazioni-della-biblioteca
    La Biblioteca Nazionale Marciana in occasione del V° centenario della morte di Aldo Manuzio ha pubblicato: Aldine Marciane, a cura di Tiziana Plebani.  Edizione pdf della pubblicazione cartacea, con il catalogo short-title delle edizioni di Aldo Manuzio il vecchio, dotato di link attivi che consentono l'accesso diretto alla visualizzazione dei record bibliografici completi nell'OPAC del Servizio Bibliotecario Nazionale. 


    0 0

    Lunedì, 02 Marzo 2015

    La Biblioteca Nazionale Marciana, in collaborazione con Beit Venezia, Casa delle cultura ebraica e ADEI-WIZO sezione di Venezia, propone lunedì 2 marzo, alle ore 17, nella sua sede monumentale (Libreria sansoviniana, Piazzetta San Marco 13/a, Venezia) la presentazione del libro Un mondo senza noi. Due famiglie italiane nel vortice della Shoah,  di Manuela Dviri, edizioni Piemme, 2015. Saluto di Maurizio Messina, direttore della Biblioteca Nazionale Marciana. Interviene Anna-Vera Sullam Calimani. Sarà presente l’autrice.

    La “mia” Shoah, quella di molti ebrei italiani, è mia madre ragazzina che non trova il suo nome nel tabellone dei voti a scuola, perché gli ebrei sono a parte. Che non può ricevere un otto, perché i voti degli ebrei non possono superare quelli degli “ariani”. È mio padre, che fino alla morte conserva il telegramma dell’amico Bruno, che gli dice di usare la sua casa, in caso di bisogno. La mia Shoah sono bambine che spariscono da scuola per sette anni e quando tornano nessuno gli chiede dove sono state. Prima delle leggi razziali, prima della Vergogna, mia madre, mio padre, i nonni, gli zii, i cugini, erano normali cittadini italiani. Finché non divennero “di razza ebraica”, e persero il lavoro, la dignità, la sicurezza, e infine rischiarono anche la vita: la scelta fu scappare, oppure morire. Qualcuno fu deportato. Qualcuno non tornò. Poi, mio padre e mia madre si conobbero in un campeggio ebraico, nel dopoguerra, e riconquistarono la “normalità”. Grazie a loro sono qui. A raccontare. Di loro e degli altri.


    Manuela Dviriè una figlia che riscopre un po’ alla volta un grande mosaico famigliare, ed è una madre che perde in guerra l’amato figlio ventenne e trova nel suo ricordo la forza di rinascere e di battersi perché ad altre madri sia risparmiata l’orribile sofferenza.

    Tra l’Israele di oggi e l’Italia di ieri risale i rivoli che si ricongiungono nel vasto fiume di una grande famiglia ebraica, sapendo che il suo viaggio incrocerà gli anni dorati prima della guerra, tra profumi di cibi, feste religiose, allegri matrimoni, riunioni di famiglia e vacanze al mare ma anche gli anni bui, tragici e dolenti della persecuzione.

    Una grande saga di ebrei italiani prima della Shoah, una storia che il male non è riuscito a cancellare, nel suo folle tentativo di “scrivere” un mondo senza loro, senza gli ebrei. Ma non c’è un loro e un noi, e un mondo senza loro sarebbe un mondo senza noi. Senza tutti noi.

     


    0 0

    Convegno organizzato dalla Regione del Veneto, dal Comitato per le celebrazioni del V centenario della morte di Aldo Manuzio e dal Dipartimento di Studi Umanistici dell'Univesità Ca' Foscari
    Venerdì, 27 Febbraio 2015

    La Biblioteca Nazionale Marciana partecipa al Convegno: "Aldo Manuzio e la costruzione del mito. Aldus Manutius and the Making of the Myth" (Venezia, 26-28 febbraio 2015), ospitando la seconda giornata, venerdì 27 febbraio 2015, nelle sue Sale Monumentali (Libreria Sansoviniana). Questo il programma:

    Ore 9.00
    Pubblicare i greci

    Presiede: Georgios Ploumidis (Ioannina-Venezia)

    Nicolas Barker (Londra)
    A Manuscript Made for Pier Francesco Barbarigo

    Venetia Chatzopoulou (Atene)
    A Contribution to the Study of Aldine Editorship through Documents of the Humanist Library in Sélestat

    Stephanos Kaklamanis (Creta)
    Giovanni Gregoropulos collaboratore di Aldo Manuzio

    David Speranzi (Firenze)
    Da Museo alla Bibbia. Appunti e riflessioni su esemplari di stampa, prassi ecdotica e editori greci in ambiente aldino

    Lorenzo Ciolfi (Parigi)
    «Quia nihil aliud cupio quam prodesse vobis, studiosi». Il contributodi Aldo Manuzio alla paremiologia moderna

     

    Ore 14.30
    La materia dei libri
    Sessione in ricordo di Anthony Hobson

    Presiede: Piero Scapecchi (Firenze)

    Ursula Rautenberg (Erlangen-Nürnberg)
    Aldine Title Pages. Design and Function

    Franca Alloatti, Carlo Federici, Federico Macchi, Elisabetta Sciarra e Melania Zanetti (Venezia)
    Le legature dei libri di Aldo

    Nicholas Pickwoad (Londra)
    Likewise Books Bound after What Manner You Please

    Giordano Castellani (Lugano)
    La citazione nelle edizioni aldine

    Randall McLeod (Toronto)
    The Birth of Italics

    Con la collaborazione di:
    Istituto Ellenico di Studi Bizantini e Postbizantini di Venezia
    Creleb, Università Cattolica di Milano e Brescia
     
    Per informazioni contattare:
    Civita Tre Venezie
    Francesca Crudo
    +39 340 6242592
    +39 041 2201268
    info@civitatrevenezie.it

    0 0
  • 02/12/15--07:08: #Domenicaalmuseo
  • Ingresso gratuito alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana e al Museo Archeologico Nazionale di Venezia
    Domenica, 01 Marzo 2015

    Torna anche a marzo #Domenicaalmuseo,giornata in cui tutti i musei e le aree archeologiche statali saranno visitabili gratuitamente, in applicazione della norma del decreto Franceschini, in vigore dal primo luglio, che stabilisce che ogni prima domenica del mese non si pagherà il biglietto per visitare monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali dello Stato.

    Domenica  1°  marzo 2015, quindi, tutti potranno accedere gratuitamente alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana e al Museo Archeologico Nazionale, inseriti nel percorso integrato de “I Musei di Piazza San Marco” (orario: 10.00 – 17.00, ultimo ingresso alle ore 16.00).

    Il pubblico che desidera visitare soltanto queste due sedi, pertanto, potrà accedervi dall’ingresso storico della Libreria Sansoviniana: Piazzetta San Marco n. 13/a. Si precisa che, per motivi di sicurezza, non saranno ammessi visitatori con zaini, trolley e borse ingombranti.

     


    0 0

    Domenica, 08 Marzo 2015

    Prosegue anche nel 2015 l’offerta di visite guidate alle Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana (Libreria Sansoviniana), che si tiene la seconda domenica di ogni mese.

    Il prossimo appuntamento è previsto per domenica 8 marzo alle ore 10.30, 12.00 e 15.00: nel corso della visita verranno illustrati lo scalone monumentale e la decorazione pittorica presente all’interno delle Sale Monumentali. Si accennerà inoltre alla storia costruttiva dell’edificio.

    Non è necessario prenotare.

    Punto di incontro: all’interno delle Sale Monumentali.

    Si precisa che l'accesso alle Sale Monumentali avviene dal Museo Correr (Piazza San Marco, Ala Napoleonica) ed è subordinato all'acquisizione del biglietto unico dei Musei di Piazza San Marco (valido per il Museo Correr, il Museo Archeologico Nazionale, la Libreria Sansoviniana e Palazzo Ducale), gratuito per i residenti e nati nel Comune di Venezia.

    Informazioni:
    lunedì - venerdì 041.2407238 e domenica 041.2407223

                                                                                           


    0 0

    Conferenza di Luca Molà
    Giovedì, 05 Marzo 2015

    In occasione del V° centenario della morte di Aldo Manuzio il Vecchio, nell’ambito del ciclo di incontri, eventi, laboratori “Aldo al lettore… Invito in Biblioteca Nazionale Marciana alla scoperta del mondo di Manuzio” a cura di Tiziana Plebani, giovedì 5 marzo 2015, alle ore 17. 00, si terrà la conferenza di Luca Molà: “Una città al lavoro: il libro e l'industria a Venezia tra Quattro e Cinquecento”.

    Nel Quattrocento Venezia è una città cosmopolita, dove artigiani e mercanti provenienti da varie parti d'Europa portano nuove conoscenze tecniche e capacità imprenditoriali. La principale comunità straniera è composta dai tedeschi, che grazie ai loro capitali lanceranno l'industria della stampa. Il rapido successo della nuova industria rispecchia la dinamicità del mondo artigianale e commerciale veneziano, in cui l'oreficeria, la meccanica, la produzione dei tessuti di seta, della cera, del sapone e molte altre attività sono sostenute dalla principale flotta mercantile del Mediterraneo. Sarà proprio il fiorire delle arti e dei traffici a convincere il governo della Serenissima, nel 1474, a emanare la prima legge sulla proprietà intellettuale per le invenzioni, facendo della città il centro principale dello sviluppo tecnologico nel continente europeo.

    Luca Molà ha insegnato per molti anni all'Università di Warwick ed è ora professore di storia moderna all'Istituto Universitario Europeo di Firenze. Le sue ricerche si sono concentrate sulla storia della tecnologia e dei commerci tra tardo Medioevo e Rinascimento, su cui ha scritto due monografie: La comunità dei mercanti lucchesi a Venezia nel tardo Medioevo (Venezia 1994) e The Silk Industry of Renaissance Venice (London 2000). Sta ora completando un nuovo lavoro sulle innovazioni e i brevetti nell'Italia del Rinascimento.

    L’incontro sarà trasmesso in diretta web tv sul canale Venipedia TV: http://venipedia.it/tv/venipedia/ .

    Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

    Informazioni: didattica@marciana.venezia.sbn.it 

    Si ringraziano: Alberto Prandi, Scrinium S.p.a., Bazzmann S.r.l., Fondazione Giorgio Cini onlus, AVM Holding, Istituto Ellenico di Studi Bizantini e Postbizantini di Venezia, Artemisia laboratori didattici e culturali a Venezia, Tipoteca Italiana fondazione, Comune di Bassiano.


    0 0
  • 02/26/15--04:41: Limitazioni ai servizi
  • Venerdì 27 febbraio 2015, dalle 11.30 alle 13.30, alcuni servizi potranno subire limitazioni e rallentamenti, per permettere la partecipazione del personale ad un'assemblea sindacale.


    0 0

    Giornata della Dante
    Venerdì, 10 Aprile 2015

    La Biblioteca Nazionale Marciana organizza, in collaborazione con il Comitato di Venezia della Società Dante Alighieri, venerdì 10 aprile 2015, alle ore 17.00, nel Vestibolo della Libreria Sansoviniana, sua sede monumentale (Piazzetta San Marco 13/a, Venezia), la presentazione del volume: Alberto Arbasino, Ritratti italiani, Milano, Adelphi, 2014.

    Saluti: Maurizio Messina, direttore della Biblioteca Nazionale Marciana, e Rosella Mamoli Zorzi, Società Dante Alighieri, Comitato di Venezia. Silvana Tamiozzo Goldann intervisterà l’autore.

    Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

    Alberto Arbasino, Ritratti italiani, Milano, Adelphi, 2014.

    «Dalla A di Gianni Agnelli alla Z di Federico Zeri, alcune decine di conversazioni, interviste, dialoghi, e magari anche chiacchiere, con illustri contemporanei quali Roberto Longhi, Aldo Palazzeschi, Giovanni Comisso, Mario Soldati, Cesare Brandi, Federico Fellini, Luciano Anceschi, Luchino Visconti, Alberto Moravia. E notevolissimi coetanei, o quasi – da Calvino e Testori e Pasolini, a Parise e Manganelli e Berio –, coi quali ci si ripromettevano lunghe polemiche anziane davanti a un bel camino acceso, con vino rosso e castagne e magari cognac. Invece, la storia girò diversamente. E così, oltre ad alcuni coetanei vitali e viventi, eccoci qui con care e bizzarre memorie evidentemente prenatali: Dossi, Tessa, Puccini, D'An­nun­zio, e la mia concittadina vogherese Carolina Invernizio, nonna o bisnonna di mezza Italia letteraria».       

    Alberto Arbasino


    Alberto Arbasinoè una delle voci più significative e della letteratura e del giornalismo italiani contemporanei.

    Di formazione giuridica si afferma presto come scrittore e saggista di profondo impegno civile (è stato deputato come indipendente per il Partito Repubblicano italiano fra il 1983 e il 1987) e come giornalista di costume attento alle trasformazioni in atto, oltre che nel proprio paese, in America e in Europa.

    Viaggiatore instancabile (ha operato in università americane e europee) è stato uno dei riferimenti cardine del Gruppo ’63, di cui ha incarnato l’anima più internazionale.

    Esperto conoscitore delle letterature straniere, ha tuttavia sempre rivendicato le sue radici nella cultura lombarda e una particolare “devozione” per Carlo Emilio Gadda (L’ingegnere in blu nel 2008 chiude una serie dedicata allo scrittore). 

    La sua tastiera stilistica di raffinata originalità sperimentale è improntata al gusto del divertimento linguistico e all’uso parodico del Kitsch che trova le sue realizzazioni più strepitose nella mimesi del parlato delle diverse classi sociali.

    Si rivela felicemente all’attenzione di pubblico e critica con i racconti di L’Anonimo Lombardonel 1959 e, soprattutto, con il suo capolavoro Fratelli d’Italiadel 1963, più volte ristampato in diverse stesure negli anni Settanta e Novanta. Seguiranno numerosi lavori, tra cui Super-Eliogabalo(1969), La bella di Lodi(1972), Il principe costante(1972), Specchio delle mie brame(1974).

    Sul versante saggistico ha spaziato dalle lucide critiche al provincialismo culturale italiano di Parigi o caradel 1960 a lavori legati alla neoavanguardia come Certi romanzi (1964), La maleducazione teatrale (1966), Off-Off(1968); dai ritratti taglienti di Sessanta posizioni (1971) a opere in cui si intrecciano generi diversi, come In questo stato del 1978, Un paese senza del 1980, Paesaggi italiani con zombidel 1998.

    Sul versante della poesia vanno ricordati la raccolta Matinèedel 1983 e le composizioni satiriche Rap! (2001) e Rap 2(2002). 

    Tra viaggi, letteratura, critica di costume, d’impegno, musicale e autobiografia si collocano opere come Parigi o cara (1995), Lettere da Londra  (1997), Marescialle e libertini (2004), La vita bassa (2008), America amore (2011), Pensieri selvaggi a Buenos Aires (2012) e Ritratti italiani (2014).

     

     

     

     

     

     

     


    0 0

    Mercoledì, 25 Marzo 2015

    Mercoledì 25 marzo 2015, alle ore 16.30, nel Vestibolo della Libreria Sansoviniana, sede monumentale della Biblioteca Nazionale Marciana (Piazzetta san Marco 13/a, Venezia)  sarà presentato il volumeantologiabilingue “Italiano e Portoghese”, realizzata sotto la coordinazione editoriale dell’A.C.I.MA. – entità no-profit con sede in Italia.

    Saluto di Maurizio Messina, direttore della Biblioteca Nazionale Marciana. Intervento di Sonia Cristina Miquelin. Con la partecipazione straordinaria di Else R. P. Vieira, professoressa di Cultura Brasiliana alla Queen Mary, University of London, coordinatrice del progetto internazionale "Entre-Lugares" della letteratura brasiliana

    NAVEGANTESè la terza antologia bilingue “Italiano e Portoghese”, realizzata sotto la coordinazione editoriale dell’A.C.I.MA.– entità no-profit con sede in Italia che, dal 2010, opera a favore della diffusione, della valorizzazione e della promozione della letteratura brasiliana in Italia e viceversa, portando con orgoglio i nomi di scrittori italiani nel panorama editoriale brasiliano.  L’opera è composta da 67 coautori, tra loro scrittori italiani che amano il Brasile e scrittori brasiliani, molti dei quali d’origine italiana, discendenti dell’emigrazione italiana degli ultimi secoli. Per tanto, è impossibile non riconoscere nei bellissimi testi che compongono NAVEGANTES, sentimenti comuni a tutti, che, in un certo momento della vita, si sono sentiti naviganti, stranieri, diversi, “l’altro”. NAVEGANTESè come un caleidoscopio che cattura e moltiplica emozioni profonde e sentimenti d’amore, di nostalgia, patriottismo, curiosità… Ma soprattutto orgoglio!

    “Navegar è Viver!” / “Navigare è Vivere!”

    L’Antologia NAVEGANTESè stata presentata in anteprima a São Paulo in Brasile, presso il polo culturale “Casa das Rosas”, che ormai da 3 anni ci ospita con orgoglio e collaborazione nei suoi spazi, nel centro della fervida metropoli brasiliana.”

    A.C.I.M.A.

     

    L’A.C.I.MA. Associazione Culturale Internazionale Mandala, ha già riunito centinaia di scrittori brasiliani e italiani in questo progetto d’intercambio culturale che ha come obiettivo principale “Connettere Menti e Culture!”.

    Info: www.acimamandala.comwww.facebook.com/acimamandalahttp://acimamandala.blogspot.com.br/

     


    0 0

    Conferenza di Filippomaria Pontani
    Giovedì, 12 Marzo 2015

    In occasione del V° centenario della morte di Aldo Manuzio il Vecchio, nell’ambito del ciclo di incontri, eventi, laboratori “Aldo al lettore… Invito in Biblioteca Nazionale Marciana alla scoperta del mondo di Manuzio” a cura di Tiziana Plebani, giovedì 12 marzo 2015, alle ore 17. 00, si terrà la conferenza di Filippomaria Pontani “Essere utile agli uomini. Aldo Manuzio editore di testi greci”.

    Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.

    L’incontro sarà trasmesso in diretta web tv sul canale Venipedia TV: http://venipedia.it/tv/venipedia/

    L'attività editoriale di Aldo si connotò sin dal principio per l'inedita attenzione ai classici greci. Nel corso dell’incontro si tratteggeranno brevemente da un lato i modi e le forme della coscienza culturale di Aldo nel varare e perseguire un progetto così innovativo nel panorama internazionale, dall'altro - più nel concreto - le dinamiche filologiche che innervarono tale iniziativa: l'acquisizione dei manoscritti, la costituzione dei testi, il ruolo dei collaboratori. Il tutto, sullo sfondo di quei codici bessarionei così vicini e al contempo così lontani.

    Filippomaria Pontani insegna Filologia Classica presso l'Università Ca' Foscari di Venezia. Ha studiato la tradizione manoscritta di testi greci in età antica, bizantina e umanistica, ed è impegnato da anni nell'edizione dei commenti antichi e medievali all'Odisseadi Omero. Si è occupato di allegoria, grammatica, retorica, e di vari autori antichi e bizantini (da Saffo a Callimaco, da Eschilo a Demostene, da Lucilio a Petronio, da Eustazio di Tessalonica a Massimo Planude), di umanisti (Angelo Poliziano, Marco Musuro) e di numerosi poeti neogreci. Scrive saltuariamente sul Post e su Il manifesto.

    Informazioni: didattica@marciana.venezia.sbn.it 

    Si ringraziano: Alberto Prandi, Scrinium S.p.a., Bazzmann S.r.l., Fondazione Giorgio Cini onlus, Istituto Ellenico di Studi Bizantini e Postbizantini di Venezia, Artemisia laboratori didattici e culturali a Venezia, Tipoteca Italiana fondazione, Comune di Bassiano.


    0 0
  • 03/06/15--06:35: Il viaggio dei manoscritti
  • Terzo incontro del ciclo: Dal Mediterraneo a Venezia. In viaggio verso la laguna
    Giovedì, 19 Marzo 2015

    Giovedì 19 marzo 2015, alle ore 17, continua il ciclo Dal Mediterraneo a Venezia. In viaggio verso la laguna, con la conferenza di Niccolò Zorzi (Università di Padova):  Il viaggio dei manoscritti. Saluto di Maurizio Messina, direttore della Biblioteca Nazionale Marciana.

    La Biblioteca Nazionale Marciana è una delle Istituzioni Culturali più importanti al mondo per la sua raccolta di testi e manoscritti antichi. Rotoli e libri, pergamene e documenti di venerabile antichità e di rara preziosità sono giunti a Venezia nel corso dei secoli con il loro carico di storia lontana che così si è salvata dal cadere nell’oblio; ma testi importanti sono anche stati prodotti nella Dominante assieme alle idee, spesso innovative, che essi veicolavano.

    L’incontro è il terzo di quattro appuntamenti, coordinati da Maddalena Bassani, Lorenzo Braccesi e Marco Molin e organizzati  dalla Biblioteca Nazionale Marciana e il Centro Studi Torcellani a seguito del notevole riscontro di pubblico e l’apprezzamento della critica ottenuti nel 2013 e nel 2014. Questo terzo ciclo di quattro conferenze vuol proporre una nuova lettura di tematiche legate alla storia, all’arte e all’archeologia di Venezia e della sua laguna, secondo lo stile scientifico-divulgativo che anima il progetto nato da questa collaborazione.

     


older | 1 | .... | 11 | 12 | (Page 13) | 14 | 15 | .... | 33 | newer